Caldaie Impianti Fotovoltaici Risparmio Energetico Ultime notizie

SUPERBONUS 110%: tutto quello che c’è da sapere.

Ristrutturare la casa a costo zero? Da oggi è possibile grazie al Decreto Rilancio pubblicato in Gazzetta ufficiale.

Vediamo cosa prevede.

INDICE:

1. IL DECRETO N. 34 DEL 19/05/2020 (DL RILANCIO)

2. COME USUFRUIRE DELLA DETRAZIONE DEL 110%?

3. COME RICHIEDERE INFORMAZIONI SUL SUPERBONUS?

1. IL DECRETO N. 34 DEL 19/05/2020 (DL RILANCIO)

1.1.Cosa prevede?

Il “DL rilancio”, approvato in questi giorni e pubblicato sulla Gazzetta ufficiale, prevede tra i vari interventi anche incentivi per l’efficienza energetica delle abitazioni e dei condomini, per la loro messa in sicurezza, per le colonne di ricarica elettrica, per il fotovoltaico e per i sistemi di accumulo.

In attesa dell’iter parlamentare per la conversione definitiva in legge, quelli che seguono sono i punti essenziali del decreto, che consentono di accedere agli incentivi.

1.2.La detrazione IRPEF del 110%

L’incentivo consiste in una detrazione fiscale del 110% (Superbonus), così come già fatto in passato per il Sismabonus e l’Ecobonus, per tutti i lavori effettuati tra il 01/07/2020 e il 31/12/2021 e rientranti nelle seguenti categorie.

1.3.Lavori consentiti
  1. Lavori di messa in sicurezza dal rischio sismico;
  2. realizzazione del cappotto termico su almeno il 25% della superficie disperdente lorda dell’immobile;
  3. sostituzione degli impianti di riscaldamento presenti con caldaie a condensazione e a pompa di calore.

Si ha diritto alla detrazione però solo nel caso in cui ci sia un effettivo miglioramento dell’efficienza energetica dell’abitazione o del condominio, perché il Superbonus è subordinato all’innalzamento della classe energetica di due classi (per esempio dalla C alla A) o, dove non sia possibile, all’innalzamento della classe energetica alla più alta (Classe A).

L’agevolazione fiscale in oggetto potrà valere anche per altri interventi, a patto che già ve ne sia uno di quelli elencati sopra.

Così, possono rientrare nei lavori consentiti anche:

  • lavori di efficientamento energetico;
  • installazione di impianti fotovoltaici e sistemi di accumulo;
  • strumenti per la ricarica di veicoli di trasporto elettrici.

In particolare per il fotovoltaico e i sistemi di accumulo (batterie), il Superbonus del 110% si applica all’installazione di impianti connessi alla rete elettrica su edifici fino ad un massimo di spesa di 48.000 euro o nel limite di 2.400 euro per ogni kW di potenza nominale dell’impianto.

In caso di interventi di ristrutturazione o nuova costruzione il limite di spesa è ridotto a 1.600 euro per ogni kW.

La detrazione è riconosciuta anche all’installazione “contestuale o successiva” di sistemi di accumulo integrati al fotovoltaico e, in entrambi i casi, è subordinata alla cessione in favore del GSE dell’energia non auto-consumata.

Ciò significa che se hai già un impianto fotovoltaico potrai usufruire della detrazione anche solo per l’acquisto delle batterie di accumulo.

1.4.Progetti per l’efficienza energetica completi e personalizzati

Fotovoltaico, sistemi di accumulo, pompe di calore con un miglioramento della classe energetica della casa usufruiscono quindi del Superbonus.

Su www.casabollettazero.it puoi trovare tutti i dettagli per progetti personalizzati che non solo ti permettono di accedere alla detrazione, ma ti consentono di azzerare quasi del tutto i costi di consumo energetico.

1.5.A chi spetta la detrazione?

Il Decreto Rilancio inserisce tra i beneficiari:

  • i condomini,
  • le persone fisiche,
  • gli Istituti autonomi case popolari (IACP) ed enti con le stesse finalità sociali,
  • le cooperative di abitazione a proprietà indivisa.

Per le persone fisiche si deve trattare di “prima casa”.

2. COME USUFRUIRE DELLA DETRAZIONE DEL 110%?

Per poter beneficiare della detrazione si hanno due possibilità:

2.1.Detrazione diretta

Si può usufruire direttamente del credito d’imposta in cinque anni (cinque quote annuali di pari importo) da scontare in dichiarazione dei redditi.

2.2.Sconto in fattura e cessione del credito

In alternativa si può cedere il credito di imposta direttamente all’impresa che effettua i lavori in cambio di uno
sconto in fattura.

Sconto che in questo caso porterebbe la spesa a zero.

A loro volta le imprese potranno riscuotere il credito di imposta per diminuire le tasse oppure cederlo nuovamente a istituti di credito per ottenere liquidità.

2.3.Conformità

Per poter cedere il Superbonus 110%, il contribuente dovrà richiedere un visto di conformità dei dati relativi alla documentazione che attesti la sussistenza dei presupposti di diritto.

Il visto potrà essere rilasciato da:

  • gli iscritti negli albi dei dottori commercialisti, dei ragionieri e dei periti commerciali e dei consulenti del lavoro;
  • i soggetti iscritti nei ruoli di periti ed esperti tenuti dalle camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura per la sub-categoria tributi.

3. COME RICHIEDERE INFORMAZIONI SUL SUPERBONUS?

Se hai una abitazione privata puoi contattare i nostri uffici che, senza alcun tipo di impegno, potranno spiegarti le opportunità, le modalità di accesso alle agevolazioni del 110% e offrirti un consulente dedicato per il tuo caso specifico.

Scopri se puoi rientrare nel Superbonus!

Compila il form!

Il mondo dell’energia sta cambiando, RIMANI AGGIORNATO!

Fotovoltaico, sistemi di accumulo, monitoraggio, ottimizzatori, domotica, mobilità elettrica, normative, incentivi e contributi..

Il mondo della produzione e del consumo di energia sta cambiando velocemente, rimani aggiornato con la nostra newsletter.